Tàijíquán 太极拳

Il Tàijíquán è ritenuta l'Arte Marziale Interna per eccellenza, ha avuto successo in occidente per la morbidezza e lentezza dei movimenti, viene spesso praticata per l'aspetto coreografico e nella sua esecuzione semplificata è diffusa in molti ospedali come pratica salutistica e di riabilitazione.

In realtà la sua pratica nella forma classica è molto impegnativa e sono rari i maestri contemporanei che ne hanno colto e ne sanno esprimere l'essenza.

La tradizone vuole che Chan San Feng un monaco errante taoista osservando un combattimento tra una gru ed un serpente fu ispirato nell'ideare quest'arte.

Questa versione è scarsamente e confusamente documentata, I primi scritti documentati sull'argomento sono attribuiti Wang Zong Jue del lignaggio di Chan San Feng, che sembra essere colui che trasmise l'arte a Chen Wan Ting (1580-1660) principe della contea di Wen nello Henan.

Di fatto gli stili che seguirono ne ricalcano la sequenza primaria.

Gli stili più noti di Tàijíquán che hanno avuto più o meno contatti con la scuola

sono:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chan San Feng

mitico

monaco errante taoista

a cui la tradizone attribuisce l'ideazione del Tàijíquán

stop / play music 

Le attività
Links